Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito
Prosegugio TrentinaBignamiAssociazione Beccacciai TrentiniGruppo Cinofilo TrentinoAssociazione Ornitologica Capannisti TrentiniGruppo HubertusGruppo Cacciatrici TrentineGruppo Esperti Val Rendena




cembra

 

Presidente di Consulta: LUCA RAVANELLI

Tecnico: ENRICO FERRARO

Guardiacaccia capozona: MARIANO VALENTINI

Guardiacaccia: NICOLA MICHELON

 

 

Il Distretto faunistico Cembra, così come individuato dall’Allegato A della delibera di Giunta Provinciale n. 2936 del 29/12/2006, comprende 14 Riserve di Diritto (Albiano, Cembra, Civezzano, Faedo, Faver, Fornace I° e II° parte, Giovo, Grauno, Grumes, Lisignago, Lona-Lases I° e II° parte, Segonzano, Sover e Valda), per complessivi 17.606 ettari di superficie. Il territorio si estende dai 200 m s.l.m. della Riserva di Faedo, nella piana dell’Adige, a oltre i 2.400 m del Monte Fregasoga, nell’area faunistica del Monte Croce.



 cembra_i1

 

Sono presenti le tre maggiori specie di ungulati alpini: capriolo, cervo e camoscio. Il primo rappresenta di certo la specie più rappresentativa del Distretto, in quanto specie presente in tutte le Riserve, localmente anche ad alte densità. Il cervo è presente ancora a densità inferiori rispetto al potenziale del territorio, con presenze maggiori nella parte settentrionale del Distretto, frutto anche dell’influenza positiva della zona demaniale della val Cadino.

cembra_i2

 


A mantenere la popolazioni su livelli inferiori rispetto al potenziale concorre anche la gestione operata nella provincia di Bolzano, confinante per gran parte con il Distretto Cembra. Infine il camoscio, specie a densità inferiori rispetto alle precedenti, ma che interessa ormai tutto il territorio del Distretto. Purtroppo l’area storicamente a maggiori densità era quella del Monte Croce, che è stata interessata da un paio di anni dalla rogna sarcoptica, con un notevole decremento demografico. Le altre (Monte Corno e subarea Marzola) hanno densità che risultano essere ancora basse, pur se in aumento negli ultimi anni.

Infine da segnalare la presenza del cinghiale, avvistato in diverse parti del Distretto.

Ultime Notizie

Prossimi Eventi

Area riservata

Il Cacciatore Trentino