Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito
Gruppo Cinofilo TrentinoGruppo Conduttori Cani da RecuperoProsegugio TrentinaGruppo Cacciatrici TrentineGruppo HubertusAssociazione Ornitologica Capannisti TrentiniGruppo Esperti Val RendenaAssociazione Beccacciai Trentini




tesino

 

Presidente di Consulta: MASSIMO MARIGHETTO

Tecnico: SANDRO ZAMBOTTI

Guardiacaccia capozona: WALTER FRONER

Guardiacaccia: DIEGO FURLAN

 

 

Il Distretto del Tesino si trova nella porzione sud-orientale della Provincia Autonoma di Trento ed è confinante con la Bassa Valsugana a sud e ad ovest, con il Primiero e la provincia di Belluno a est e nord-est, con la Val di Fiemme a nord. La sua estensione totale è di circa 27.440 ettari suddivisi in 6 Riserve di caccia. Il territorio si estende dai 350 m s.l.m. dell’abitato di Scurelle, nel fondovalle, fino ai 2.847 m di Cima d’Asta nella catena omonima.


tesino_i1

 

Il substrato geologico varia dal granito della Cima d’Asta alle rocce porfiriche/metamorfiche della catena del Lagorai. Sono presenti in buon numero tra gli Ungulati alpini Capriolo, Cervo e Camoscio. Sono ben presenti anche tutti i Galliformi alpini, dal Gallo cedrone alla Pernice bianca con una buona presenza anche della Coturnice. Capriolo e Cervo costituiscono le principali specie oggetto di caccia.


tesino_i2

 

Il secondo è presente con buone densità specialmente nella parte nord-orientale del Distretto, nella porzione afferente al bacino del Vanoi, discreta la consistenza del capriolo anche qui in ripresa dopo un periodo di sofferenza. Il camoscio, specie storica del Distretto, presente da sempre in Tesino ma con densità ancora basse, molto al di sotto delle potenzialità effettive.