Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito
Gruppo Cacciatrici TrentineGruppo HubertusGruppo Conduttori Cani da RecuperoAssociazione Ornitologica Capannisti TrentiniAssociazione Beccacciai TrentiniGruppo Esperti Val RendenaProsegugio TrentinaGruppo Cinofilo Trentino




val_di_non_destra

 

Presidente di Consulta: MARCELLO BERTOL

Tecnico: GIACOMO BAZZANELLA

Guardiacaccia capozona: LOUIS DALDOSS

Guardiacaccia: GRAZIANO PARIS

 

La Val di Non, situata nella parte nord-occidentale della Provincia Autonoma di Trento, si caratterizza per la sua particolare forma ad Y per cui è possibile identificare tre sponde sul fiume Noce, ad est a ovest e a nord. La seconda biforcazione della Val di Non è rappresentata dal corso del Rio Novella. Il Distretto della Val di Non Destra pertanto è chiuso ad est dal torrente Noce e dal Lago di Santa Giustina, a sud dal massiccio della Paganella e dalla sella di Andalo, e a sud-ovest dalle Dolomiti di Brenta; ha un’estensione di 24.100 ettari, di cui oltre la metà (13.100 ha) ricadono all’interno del Parco Naturale Adamello Brenta, ed è proprio all’interno del Parco che si trova una delle valli più belle e suggestive del Trentino: la Val di Tovel.

Questa valle si estende per una lunghezza di circa 17 Km partendo da Tuenno e termina con l’omonimo lago, famoso per il fenomeno naturale unico al mondo che, fino agli anni ’60 dello scorso secolo, lo colorava di rosso in un particolare momento dell’anno in seguito alla fioritura dell’alga Gle-nodinium sanguineum.


val_di_non_destra_i1

 

Sono presenti e in buon numero tutte le specie di Ungulati selvatici tipiche dell’ambiente alpino e, nonostante le Dolomiti di Brenta potrebbero essere un habitat idoneo ad ospitare lo Stambecco, questa specie non è presente. Su queste montagne è però tornato, grazie ad un progetto internazionale di reintroduzione iniziato nel 1978, il Gipeto, che, con un’apertura alare compresa tra 265 e 285 cm, è uno dei rapaci più grandi presenti in Italia.


val_di_non_destra_i2

 

La Val di Non Destra è anche terra di orsi, qui, e in particolare nel gruppo montuoso della Campa, nel Brenta nord-orientale, sopravviveva alla fine degli anni ’90 l’ultimo nucleo di orsi autoctoni, ed è in Val di Tovel che vennero liberati nel 1999 i primi due orsi (Kirka e Masun) provenienti dalla Slovenia e che diedero inizio al progetto Life Ursus.