Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito
Associazione Ornitologica Capannisti TrentiniGruppo Cinofilo TrentinoGruppo Esperti Val RendenaGruppo Conduttori Cani da RecuperoGruppo HubertusAssociazione Beccacciai TrentiniProsegugio TrentinaGruppo Cacciatrici Trentine




val_di_non_sinistra

Presidente di Consulta: ROBERTO SLAIFER ZILLER

Tecnico: GIACOMO BAZZANELLA

Guardiacaccia capozona: LOUIS DALDOSS

Guardiacaccia: GRAZIANO PARIS - GIACOMO FRANCH

 

Il Distretto Val di Non Sinistra - tra quelli che costituiscono l’Area nord-occidentale - è, per molti aspetti, il più eterogeneo. I confini naturali che lo definiscono sono costituiti ad ovest dal torrente Noce, a nord-ovest dal Rio Novella e ad est dai monti Anauni, che segnano il confine con la Val d’Adige e la Bassa Atesina. Il territorio si estende dai 200 m sul livello del mare della Piana Rotaliana (Riserve di Mezzocorona e Roverè della Luna), fino ai 2.116 m del Monte Roen. È costituito da ben 18 Riserve, la più grande Coredo di circa 3.260 ettari, mentre Dambel, la più piccola, ha una superficie di poco più di 500 ettari. Anche dal punto di vista ambientale e faunistico il Distretto presenta una grande eterogeneità; e se il Capriolo è distribuito abbastanza uniformemente su tutto il Distretto, altrettanto non si può dire delle altre due specie prese in considerazione: Camoscio e Cervo.


val_di_non_sinistra_i1

 

Il Capriolo, dopo anni difficili di gestione, culminati con le stagioni venatorie 2004-2006, nelle quali le consistenze hanno subito un brusco calo, sembra in ripresa, i dati fanno ipotizzare che la tendenza negativa sia finalmente invertita e i risparmi degli anni precedenti, abbinati ad una cosciente pianificazione, hanno sicuramente favorito la risalita.


val_di_non_sinistra_i2

 

Il Cervo è presente soprattutto nella parte centro-settentrionale del Distretto, mentre il Camoscio è maggiormente diffuso nella parte meridionale dove ha colonizzato zone con altitudini che poco si confanno a questo ungulato che solitamene occupa le cime delle montagne trentine.