Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito
Gruppo Cacciatrici TrentineAssociazione Ornitologica Capannisti TrentiniGruppo Esperti Val RendenaAssociazione Beccacciai TrentiniProsegugio TrentinaGruppo HubertusGruppo Cinofilo TrentinoGruppo Conduttori Cani da Recupero




pergine

 

 

 

Presidente di Consulta: ANDREA FONTANARI

Tecnico: SANDRO ZAMBOTTI

Guardiacaccia capozona: WALTER FRONER

Guardiacaccia: PAOLINO PALLAORO

 

Il Distretto Pergine-Pinè-Valle dei Mocheni si trova nella porzione sud-orientale della Provincia Autonoma di Trento ed è confinante con l’Alta Valsugana a sud, la Bassa Valsugana ad est, con la Val di Fiemme a nord-nord est, con la Val di Cembra a ovest nord-ovest. La sua estensione totale è di circa 20.450 ettari suddivisi in 12 Riserve di caccia. Il territorio si estende dai 450 m s.l.m. del lago di Caldonazzo, fino ai 2.490 m del Monte Croce.


pergine_i1

 

Il substrato geologico è il caratteristico porfirico/metamorfico del Lagorai. Il territorio del Distretto è caratterizzato dal contrasto tra un fondovalle estremamente urbanizzato ed il paesaggio tipicamente montano delle Valle del Fersina, ciò si ripercuote ovviamente anche nella distribuzione della fauna selvatica oltre che, conseguentemente, nella differenziazione di abitudini e tradizioni venatorie. Sono presenti tra gli Ungulati alpini Capriolo, Cervo e Camoscio. Sono ben presenti anche tutti i Galliformi alpini, dal Gallo cedrone alla Pernice bianca con presenza della Coturnice. Buona la consistenza del Capriolo che, dopo la crisi degli scorsi anni sta progressivamente tornando a densità discrete, rimane sicuramente la specie più diffusa e di riferimento per la caccia.


pergine_i2

 

Il camoscio dispone ancora di buone e, per ora, inutilizzate potenzialità, sebbene la specie abbia colonizzato tutti gli habitat disponibili la densità è, spesso, ancora bassa, anche questo distretto è stato recentemente interessato dall’epidemia di rogna sarcoptica. Il cervo è presente nel Distretto da ormai lungo tempo, i primi abbattimenti registrati risalgono ai primi anni ‘90, ma la densità di popolazione è ancora lontana dalle effettive potenzialità e ciò si riflette anche nei risultati del prelievo caratterizzato da età ancora basse. Nel distretto è presente anche il cinghiale, il suide è sottoposto a controllo da parte dei cacciatori nella porzione meridionale del Distretto.